Antonia Campi

Antonia Campi: quando il genio rinnova la tradizione. Continuare una disciplina artistica come quella della ceramica è una responsabilità enorme e farlo in chiave moderna e fuori dalle righe è assolutamente audace. Antonia Campi in questo non ha pari ed è una delle poche donne grandi protagoniste della storia della ceramica italiana del Novecento. Questo, si potrebbe pensare, è un dettaglio di poco conto: tuttavia, dobbiamo considerare che l’attività artistica della Campi si è estesa in un periodo in cui l’emancipazione femminile in tutti i campi lavorativi, compreso quello artistico, non era così scontata. 

L’abilità e la vision di Antonia Campi sono state peraltro meritatamente premiate dal Premio Compasso d’Oro alla carriera nel 2011, confermando il talento di una fra le più grandi progettiste dello scorso secolo. 

Gli studi e la carriera

Antonia Campi (1921-2019) si forma all’Accademia delle Belle Arti di Brera: qui, conosce il suo professore e Maestro Francesco Messina, che peraltro la scelse come modella per la “Minerva Armata”, conservata in una Piazza di Pavia, riportata di seguito nel Carosello (da Il Giorno).

Nel 1947, la Campi inizia la sua carriera alla Società Ceramica Laveno, inizialmente come operaia. Grazie a Guido Andlovitz, noto designer ceramista, verrà riconosciuto il suo valore e diverrà anch’essa designer di punta del marchio.

 

“Sono stata una semplice e aspra ragazza valtellinese. Una di montagna. Una schiva. Una che ha sempre amato la solitudine, una taciturna, una che parla poco a bassa voce. Ma libera come l’aria! Avevo talento artistico e passione per imparare, cercare, guardare avanti, sperimentare, creare con le mani dà una gioia interiore intensa! C’è una dimensione giocosa in questo fare. Io guardo le cose del mondo con ironia, ne vedo sempre il lato ironico. Indubbiamente l’ho messa anche nel mio lavoro, nelle forme ispirate alla natura che altri hanno definito libere, sensuali, organiche, dissacranti … Mi diverte molto l’ironia, è una completezza di pensiero!! Credo nella bellezza. É la prima cosa che sento quando guardo qualsiasi cosa. Ho sempre fatto tutto con passione… Ai giovani dico: passione, fate emergere ciò che di importante è dentro di voi e lasciate tutto il resto… Così saremo in grado di costruire un mondo migliore!”

Antonia Campi: quando il genio rinnova la tradizione
Antonia Campi
Designer e Artista

Possiedi ceramiche di Laveno e vuoi venderle?

0 comment
4 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditWhatsappTelegramLINEEmail
× Chiedi informazioni!