Cani di classe: i Fido dei re

by Antichità Massara

Cani di classe: i Fido dei re. Chi ha un cane, saprà sicuramente che l’amore per il nostro “amico a quattro zampe” va aldilà del suo aspetto e della sua razza. Tuttavia, sin da Rinascimento, l’animale da compagnia era visto come il simbolo di uno status sociale elevato chiaramente di razza pura. Nel 1590 in Inghilterra fu pubblicato quello che può essere considerato il precursore degli attuali manuali: sulla “scelta, l’igiene e la salute dei cani”. Oggi, scopriamo quali erano le razze preferite da nobili, aristocratici e borghesi del tempo. 

1. Levriero

Il levriero è stato a lungo il cane preferito dai pittori dell’epoca, inserito nei contesti religiosi, come a fianco ai re magi e ai santi. Il levriero è un cane dal portamento elegante e altero, ma è anche un cane forte, veloce e potente. La testa è portata alto con un atteggiamento fiero.

2. Barbone e barboncini

Il Barbone, cane di origine presumibilmente francese, deve il suo nome alla razza “progenitrice”: Il Barbet, dalla quale ha ereditato la passione per l’acqua.

Le prime tracce di questa razza risalgono al tardo medioevo, dove lo vediamo inserito in alcuni contesti nobiliari. Tutta via è a cavallo del XVII e XVIII secolo che il Barbone subisce un notevole incremento di notorietà, grazie soprattutto all’amore per questi cani dimostrata da Luigi XV.

3. Setter e bracchi

Nonostante il cane fosse solo un simbolo, i nobili del tempo amavano la caccia, soprattutto nelle terre britanniche. Ecco perchè, nella top 5, dobbiamo aggiungere anche setter, bracchi e più in generale i cani da caccia. 

4. Maltese

Le donne si accompagnavano a cagnolini di piccole dimensioni, preferibilmente bianchi (simbolo di purezza e fedeltà). Il maltese, così come pechinesi, chihuahua (ante litteram) e simili, erano i più apprezzati!

5. Borzoi (levriero russo)

Anche se non diffusissimo in Europa, il Borzoi, anche detto levriero russo, era molto più che apprezzato in Russia. Esso, infatti, è uno dei pochi cani in grado di cacciare i lupi che, al tempo, erano decisamente più numerosi di oggi. 

Cani di classe: i Fido dei re

You may also like

Leave a Comment

× Chiedi informazioni!